COLA PESCE. Questa è la storia di un ragazzo, Nicola, detto Cola, nato uomo e vissuto da pesce. Alcuni dicono catanese, altri dicono messinese, ma che importa? E' la storia di un siciliano come tanti, che amava il mare più di ogni altra cosa, lo sentiva come proprio, trascorreva con lui tutto il proprio tempo, i pesci erano i suoi amici migliori, di più: i pesci del suo mare consideravano Cola uno di loro. Era però questa anche la disperazione di sua madre, angosciata da questa dedizione totale del figlio al mare. Un giorno, più disperata del solito, gridò al figlio: Cola, possa tu diventare un pesce! Incredibile a dirsi, ma fu esattamente ciò che avvenne. La sua pelle divenne squamosa, esattamente come quella dei pesci, e anche i piedi divennero più simili a pinne... Insomma, quasi come in un sogno, Cola iniziò ad assumere un po' per volta l'aspetto di un pesce. Ecco allora che in giro tutti iniziarono a chiamarlo Cola Pesce!

 

Un giorno giunse nella sua città il re di Sicilia, anche lui a conoscenza delle straordinarie capacità di Cola. Non voleva lasciare la città senza prima averlo conosciuto e, dunque, decise di mandarlo a chiamare per incontrarlo e, in cuor suo, anche per verificare se tutto quanto si diceva di lui in giro per la Sicilia corrispondesse al vero. Trovò che il ragazzo fosse simpatico, ma stentava a credere che un ragazzo all'apparenza così gracile fosse davvero in grado di vivere in acqua come un pesce riesce normalmente a fare nel proprio elemento. Per togliersi ogni dubbio, disse:

 

  - Cola, ho deciso di metterti alla prova. Vedi questo anello? Lo lancerò in mare, lì dove l'acqua raggiunge le profondità maggiori, lì dove nessuno è mai riuscito ad arrivare: tu andrai giù a riprenderlo e, quando tornerai, mi descriverai tutto ciò che laggiù avrai visto.

 

 

Cola non se lo fece ripetere due volte. Afferrò l'anello, lo guardò bene, poi lo restituì al suo re, che lo lanciò in acqua. Un attimo dopo, Cola, dopo essersi tuffato, iniziò a spingersi lì dove neanche i raggi del Sole erano più capaci di arrivare. Stette giù a lungo. Passò un'ora, due ore, un giorno... L'indomani, Cola riemerse, stupendo tutti coloro che ormai lo davano per spacciato.

 

  - Maestà, vi riporto l'anello, ma con lui vi porto anche notizie tristi. Laggiù, ho visto la Sicilia adagiata su tre colonne: una ben salda, un'altra già rotta, una terza incrinata e sul punto di spezzarsi! Tutto intorno la vita del nostro mare esplode in un arcobaleno di colori e di varietà: ho visto ondeggiare piante bellissime e ho accarezzato superbi coralli, ho incontrato pesci enormi, valli sconfinate, caverne immense. Ho visto anche fuoco e fiamme divampare nelle acque più profonde e forgiare i fondali... Spettacoli maestosi, ma la Sicilia rischia adesso di sprofondare e di scomparire sommersa dalle acque.

 

Udendo queste parole, il re e tutti i presenti che affollavano la piazza guardarono Cola con l'incredulità negli occhi, ma anche con la paura nel cuore. Il re, facendosi portavoce del sentimento di tutti, guardò a lungo negli occhi quello strano ragazzo e - con la paura di ammettere a sé stesso il grave pericolo incombente sul proprio Regno - disse:

 

  - Ragazzo mio, ciò che racconti sembra incredibile. Colonne spezzate e fiamme sottomarine? Sicuro che non si tratti solo del frutto della tua fantasia?

 

  - Maestà, so bene che ciò che racconto sembra impossibile, ma dovete credermi. Andrò di nuovo laggiù, sosterrò io il peso della Sicilia, sostituendomi alla colonna corrosa dal fuoco sottomarino dell'Etna, ma questa volta porterò con me questo pezzo di legno, lo farò bruciare un po' e poi lo lascerò risalire in superficie, sicché - anche se resterò sempre laggiù o anche se morirò - voi potrete almeno avere la prova del fuoco che arde sotto l'Isola.

 

Detto fatto. Senza neanche aspettare una risposta, afferrò un pezzo di legno che stava lì per terrà, si voltò, iniziò a correre verso il mare e, tuffatosi, sparì alla vista di tutti. Passò qualche ora prima che gli occhi stupiti e commossi dei siciliani presenti potessero vedere riaffiorare quel pezzo di legno, tutto bruciacchiato e consumato dalle fiamme. Fu in quel momento che il re e tutti i siciliani compresero la verità delle parole di Cola, quel ragazzo un po' matto e un po' eroe che da qualche parte, laggiù, fa sì - lui, da solo - che la Sicilia non si inabissi. E ancora oggi si racconta che, talvolta, Eolo, il signore dei venti, ordini ad essi di trasportare in giro per gli angoli anche più remoti dell'Isola, la voce di Cola che, salendo dalle profondità marine, increspa la superficie delle acque dello Stretto di Messina. E' in questi momenti che i Siciliani distinguono queste parole, loro rivolte da Cola:

 

  - State sicuri, Cola Pesce non si spezza, la Sicilia non affonderà mai.

 

 

Ascoltando queste parole, i Siciliani si ricordano sempre di Cola e ripetono a loro stessi che, fino a quando il loro Cola Pesce non si stancherà di sorreggerne il peso, la Sicilia non si inabisserà.